alimentazione-specifica-per-la-tua-costituzione

L’Alimentazione Specifica per la Tua Costituzione! Identificare la tua costituzione è una tappa fondamentale nel percorso verso la Salute piena.
Significa conoscere e poter governare le fragilità e le dinamiche con cui il tuo essere governa gli scambi con l’ambiente.
Alimentazione e stile di vita rivestono un ruolo centrale in questo riequilibrio.

Ogni costituzione ha necessità di assumere cibi specifici ed evitarne altri:

per bilanciare le sue caratteristiche e quindi funzionare al meglio.

Le costituzioni sono state studiate da tutte le principali tradizioni mediche del mondo: Ippocratica, Ayurvedica,
Tradizionale Cinese, Alchimia, Diatesica, Omeopatica, fino ad arrivare ai giorni nostri, con la Bioenergetica.

Il mio metodo “Energia che Nutre” parte da uno studio comparato di tutte queste tradizioni, risultato di anni di approfondimenti e lavoro con le persone.
Energia che Nutre ha consentito di formulare indicazioni alimentari specifiche per ogni costituzione, e naturalmente di identificare ogni persona in modo più completo, tenendo conto delle specificità individuali che emergono utilizzando i differenti punti di vista.

L'Alimentazione Specifica per la Tua Costituzione

L’Alimentazione Specifica per la Tua Costituzione!

Le costituzioni che prendiamo in esame sono 4 oppure 5, in base alla tradizione di riferimento che può unire o suddividere le prime due. Eccole:L'Alimentazione Specifica per la Tua CostituzioneL'Alimentazione Specifica per la Tua Costituzione

  1. Ectoblasta
    • Cerebrale
    • Bisognoso
  2. Mesoblasta/Dominante
  3. Endoblasta/Compresso
  4. Cordoblasta/Rigido

Per quanto possa essere affascinante (o per alcune persone, fastidioso;) riconoscere se stessi e gli altri all’interno di una “tipologia”, Il lavoro è sempre centrato sull’individuo. Le costituzioni sono un punto di partenza per fare un passo in più nella conoscenza di se stessi, ma la propria costituzione si può integrare con parti delle altre: non vi sono percorsi fissi, è la scelta individuale che dà forma al nostro percorso.

In particolare, la specificità diventa molto importante nell’alimentazione, sia negli aspetti macro che in quelli micro: oltre alla costituzione dobbiamo tenere conto della storia della persona, delle sue preferenze, allergie ed intolleranze alimentari. La buona notizia è che le intolleranze possono essere affrontate ed in alcuni casi superate cambiando regime alimentare e metabolico.

Per approfondire, Iscriviti qui di seguito per scaricare il report gratuito “Costituzioni nel Piatto”, nel quale ti offro una semplice descrizione base delle Costituzioni, di per sé utili per identificare alcune tue possibili caratteristiche.

Troverai inoltre un tipico esempio di piatto base, che può trovare posto all’interno di qualunque pasto, ma con la scelta degli ingredienti specifici per ogni Costituzione!

E in più, avrai la possibilità di partecipare al test della costituzione, creato dal dott. Marco Montanari, fondatore e caposcuola di Integrazione Fasciale®, con cui ho sviluppato una fruttuosa collaborazione. Ti invierò il link per il test della costituzione, all’interno della stessa mail!

Cosa aspetti? Inserisci la tua mail qui sotto, è gratuito!

Report-Costituzioni-nel-Piatto
* indicates required

Piatto-unico-riso-zafferano-verdure-spezie

Piatto unico: Riso, Zafferano, e…

Data l’importanza centrale che hanno le Costituzioni nel riequilibrio alimentare, ho pensato di creare subito una ricetta Piatto Unico veloce per ognuna di esse, in modo da facilitare al massimo l’approccio pratico a chi sceglie questa meravigliosa via per il benessere. Piatto unico: Riso, Zafferano, e… ortaggi di stagione è una ricetta particolarmente adatta alla Costituzione Ectodermica (Caratteriotipi Cerebrale e Bisognoso).

La ricetta è a base di ortaggi colorati e riso con spezie e zafferano: nel breve video (che ti occuperà meno di un minuto) potrai velocemente capirne la semplicità realizzativa dei passaggi. Insomma come a dire, molto più facile a dirsi che a farsi!

La combinazione degli ortaggi gialli, rossi e arancioni apporta vitamina A, nutriente per la salute di occhi e pelle. La sinergia con l’altrettanto prezioso zafferano conferiscono a questo piatto la capacita di riportare allegria e buonumore in ogni situazione. Le spezie sono determinanti perchè sostengono la digestione e contrastano il gonfiore addominale.

Piatto Unico Riso&Sorriso

Piatto unico: Riso, Zafferano, e…

RICETTA

Da servire come piatto unico, completato da verdure crude ed eventuale fonte proteica.

INGREDIENTI

  • 1 tazza di riso
  • 1 cucchiaino di cumino
  • 2 zucchine
  • 1 carota
  • 100 g di piselli sgranati
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 1/2 melanzana
  • 2 pomodori maturi e sodi
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 presa di noce moscata
  • 1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato
  • 1/2 cucchiaino di peperoncino in polvere
  • 1 cucchiaio di olio di sesamo. (Alternativa: olio d’oliva extravergine)
  • Sale marino integrale

PREPARAZIONE

  1. Monda, lava e taglia a tocchetti le verdure, e ponile in un tegame con l’olio caldo. Falle rosolare, regola di sale e porta a cottura.
  2. Frulla metà delle verdure preparate con: zenzero, la noce moscata e il peperoncino, in modo da ottenere una salsina piccante.
  3. Aggiungi il riso in un tegame contenente 3 parti di acqua bollente leggermente salata.
  4. Lasciatelo cuocere per il tempo indicato dal tipo di riso, quindi sgranalo con una forchetta e aggiungi lo zafferano che avrai precedentemente sciolto in un po’ di liquido di cottura del riso.

Porta in tavola con le verdure a tocchetti e la salsina piccante! (e mangia a volontà…le spezie tenderanno a bilanciare anche l’appetito!)

Piatto unico per costituzione ectodermica (caratteriotipo cerebrale/bisognoso): perché?

  1. La base è il riso,  fonte di energia priva di glutine, adatta all’intestino delicato dell’ectodermico e anche a chi già soffre di disturbi intestinali. In caso di colon irritabile e fermentazioni intestinali, il riso bianco, ancora meglio se basmati, può essere consumato con l’accortezza di abbinare cumino e\o altri semi carminativi. Inoltre il riso opportunamente preparato riequilibra e sostiene le funzioni del fegato e concorre alla depurazione dell’organismo: lo troviamo infatti presente nelle ricette ante 1300 della medicina dei monaci dei conventi.

  2. Il giallo dello zafferano è carico di energia vitale ed ha un effetto benefico sul cervello, attivando l’azione e contrastando la tendenza a indugiare molto nel mondo confortevole dei pensieri. Zafferano, detto anche il fiore d’oro che attiva il fuoco digestivo del manipura chakras, III chakra, la Città dei Gioielli, l'”Io posso”. 

  3. Per la presenza del prezioso olio di sesamo, il più adatto a questa costituzione. Questa ricetta ben combina il sapore dell’olio di sesamo a quello dello zenzero e del cumino. Questo mix sostiene le basse capacità digestive e metaboliche caratteristiche dell’ectodermico, caratterizzate da irregolarità anche nell’appetito, con digestione a volte poco efficace. Altresì idoneo, ma in seconda battuta, è l’olio d’oliva. L’olio di sesamo dovrà essere di buona qualità, e spremuto a freddo. L’abbondanza in acido oleico e linoleico, oltre alla presenza di vitamine del gruppo B e della vitamina E, lo rendono ideale per questa costituzione. E’ altresì fonte di proteine e minerali (calcio, ferro, fosforo, magnesio e zinco) e di preziose sostanze antiossidanti. Per tutti questi preziosi contenuti non andrà usato in cotture prolungate tanto meno lasciato aperto o esposto alla luce del sole, in quanto di facile irrancidimento.
  4. Questo piatto ed i suoi colori migliorano l’umore. Le energie elettromagnetiche che si manifestano attraverso le frequenze della luce e dei suoi colori. Gli alimenti giallo, oro, arancione attivano l’energia psicofisica e tonificano il sistema immunitario. Questi colori comunicano gioia, allontanando paura e insoddisfazione… insomma il “nero” prevalente in questa costituzione tendente a scaricarsi facilmente.

P.S.: Le verdure in questo caso sono state selezionate per l’estate…perchè è la stagione in cui sto scrivendo questo articolo. Ma puoi sbizzarrirti utilizzando preferibilmente verdure di stagione, possibilmente coltivate da un piccolo produttore locale, che è la migliore garanzia di qualità di questi tempi. 

 

Waffeln Senza Zucchero!

…e Senza Glutine!

Praticamente senza lattosio e con le proteine del latte parzialmente pre-digerite dalla fermentazione del kefir o dello yogurt, i miei waffeln senza zucchero si prestano ad essere una gustosa colazione, una pratica merenda per il mare, così come per l’imminente stagione scolastica!

Insieme a tisana con fieno greco e cannella, diventano un gustoso spuntino in grado di smorzare i più agguerriti attacchi di fame da (s-)compenso affettivo!

Indicativamente ogni waffeln senza zucchero apporta:

  • carboidrati 16,5 g – proteine 2,3g – grassi 3g
  • preziosi nutrienti: vit.B – vit.E – calcio – magnesio – manganese – fosforo – potassio – zinco
  • le calorie sono soltanto: 104 kcal

Ed ecco la lista degli ingredienti per realizzare circa 16 waffeln:

  • Farina di riso  (250 g)
  • Uova (2)
  • Latte di riso (200 ml)
  • Olio di semi di girasole (30 g)
  • Sciroppo d’acero (75 g)
  • Acqua (100 ml)
  • Kefir (40 g)
  • 1\2 cucchiaino di polvere lievitante per dolci, senza fosfati (circa 2,5 g)
  • pizzico di sale integrale fino

Iniziamo bene con il dire che in teoria la farina andrebbe setacciata, ma nella mia sbrigativa cucina questo passaggio… ….ehm…. spesso salta! Come procedo? come nel video, con una frustina da cucina (ma anche la forchetta andrebbe bene) mi dedico ad unire tutti i liquidi:

uova, olio, sciroppo di acero, acqua, latte\bevanda veg e kefir\yogurt.

Aggiungo quindi la farina, il lievito per dolci ed un pizzichino microscopico di sale.. Se avanza tempo grattugio un po di scorza di limone bio ed aggiungo 1\4 di cucchiaino di vaniglia in polvere.   

Dopo aver amalgamato per bene  il tutto, ottenengo un impasto abbastanza fluido e  scaldo lo stampo per waffeln (esiste sia la piastra elettrica che lo stampo da piano cottura).

Quando è pronto, verso 4 o 5 cucchiai rasi del composto per ciascun waffeln, chiudo lo stampo e lascio dorare: con il mio stampo elettrico, la cottura richiede 5 minuti buoni di tempo.

Buon gustoso inizio di giornata!

P.S.:  Sai che esistono anche i waffeln salati? vedremo prossimamento come sia possibile togliere anche lo sciroppo d’acero e ottenere non solo waffeln senza zucchero, ma del tutto privi di dolcificanti. Il segreto sono le farine di legumi….in questo modo i waffeln diventano un “companatico” ideale per un pasto della salute, anche da asporto!

Dolore alla spalla - tensione alle spalle - rimedi pratica yoga

Dolore alla spalla?
…o semplice tensione alle spalle?

Affrontiamo la situazione con coscienza e chiediamoci: Che cos’è una spalla?

Gelato leggero senza zucchero frutta

Gelato artigianale, Gelato vegan, Gelato senza zucchero…E’ veramente possibile che il gelato diventi un valido alleato della tua salute, e perchè no , anche della tua linea?