Gelato leggero senza zucchero frutta calorie

Gelato artigianale, Gelato vegan, Gelato senza zucchero…

E’ veramente possibile che il gelato diventi un valido alleato della tua salute, e perchè no , anche della tua linea?

Ora che il caldo e la bella stagione dovrebbero arrivare – viste le piogge che sembrano non finire mai di questo periodo il condizionale è d’obbligo ;D – …la nostra voglia di gelato è in realtà già stata “attivata” dai caldi giorni di priimavera vissuti ad aprile e all’inizio di maggio…o magari dalle pubblcità di alimenti trash che chi segue i mass media volente o nolente è costretto a subire…ma insomma, come posso comportarmi con questo alimento?

O hai la fortuna di avere una gelateria veramente innovativa vicino a casa, oppure l’unica soluzione è farlo…in casa. Se vuoi accettare questa sfida, vediamo quattro preziose regole per non dire addio al tanto amato gelato:

  1. anche tu come me non possiedi una gelatiera professionale? No problem, un buon cutter da cucina (robot, tipo il Bymbi per capirci) e i vari ingredienti preparati nel congelatore saranno in grado di permetterti di preparare il tuo squisito e sano sorbetto!
  2. usa il latte di riso o il latte di cocco come base per i tuoi gelati, porzionalo in freezer negli appositi contenitori per congelarlo
  3. congela tanta buona frutta fresca (fragole, ananas, frutti di bosco, pezzetti di banana, mirtilli, more…..) unisci qualche pezzetto di dattero denocciolato per dolcificare e qualche mandorla ammollata per arricchire in proteine, minerali quali ad es. il calcio e la vit.E.
  4. Non è sufficiente per le tue abitudini il dolce naturalmente contenuto nella frutta? Aggiungi un sano dolcificante come ad esempio lo zucchero integrale di cocco, la lucana o se si a dieta e vuoi un dolcificante ipocalorico potresti utilizzare la stevia o lo xilitolo o eritritolo.
  5. usa il gelato come digestivo: i cibi freddi a fine pasto favoriscono l’afflusso di sangue allo stomaco, aiutando in questo modo i processi digestivi. Particolarmente indicato sarà il sorbetto di ananas essendo digestivo, grazie alla bromelina contenuta. Anche il sorbetto di kiwi contiene un enzima, il proteasi actinidain, che svolge un’azione simile alla bromelina contenuta nell’ananas. Anche il sorbetto di papaya con i suoi enzimi proteolitici, oltre a favorire la digestione, è un vero e proprio toccasana per lo stomaco e per l’intestino, aiuta infatti a ridurre nausea e diarrea. Il mio sorbetto preferito? pompelmo e limone! Oltre a stimolare la digestione, combatte anche i gonfiori che possono manifestarsi dopo i pasti. Naturalmente note le tantissime proprietà del limone, sia per la salute che per la bellezza e naturalmente si presta anche come coadiuvante nella digestione.